Main Menu
Eventi

Halloween è vicino, Ischia si riempie di zucche! Ma per una giusta causa…

???????????????????

dall’inviato, Gennaro Savio

Si è tenuta in piazzetta San Girolamo a Ischia la “Festa della zucca e non solo”, una manifestazione promossa dalla sezione di Ischia e Procida dell’Unione Italiana per la Lotta alla Distrofia Muscolare guidata dal Professore Raffaele Brischetto. Tanti gli stand allestiti allo scopo di raccogliere fondi in favore della ricerca sulla distrofia muscolare e le altre malattie genetiche. Anche quest’anno la giornata di solidarietà è stata caratterizzata dalla gara di gusto e design che ha visto la partecipazione di tantissime mamme che si sono cimentate nella preparazione di succulenti pietanze e torte dalle forme più svariate. Centinaia sono stati i residenti e turisti che nella serata allietata dalle note della P.ACCA band hanno potuto gustare una vasta varietà di piatti tipici locali.

La Professoressa Franca Di Meglio, già Preside del Liceo Classico di Ischia, ci ha spiegato che l’iniziativa odierna è anche collegata a Telethon e che sull’isola d’Ischia è vasta la problematica legata alle malattie genetiche. Purtroppo nel Paese di Pulcinella dove quotidianamente i principi più elementari della Costituzione italiana vengono calpestati a danno degli interessi collettivi, dove le aspettative dei cittadini vengono da sempre disattese, i diritti degli italiani e in modo particolare delle persone socialmente più deboli vengono totalmente ignorati e dove ogni anno a fronte di un pauroso sperpero di danaro pubblico e del continuo aumento di tasse e balzelli vari non solo non vengono corrisposti adeguati servizi sociali ma si tagliano persino risorse economiche alla scuola, alla ricerca e alla sanità, c’è chi cerca, attraverso il volontariato, di sopperire alle vergognose, indecenti, inumani e sciagurate inadempienze dello Stato che da decenni, attraverso governi antipopolari di centro, centrodestra e centrosinistra mortifica  sistematicamente lo stato sociale e i diritti collettivi. E’ ora che il popolo lavoratore e tartassato si ribelli  a queste vergogne politiche e istituzionali e si batta per il riconoscimento dei diritti di tutti a partire da quelli dei più deboli della nostra società.

Rispondi