Main Menu
News

Il fascino della donna Ferdinand sfila a Villa d’Isernia

sposa ferdinand bis

Semplicità e seduzione: Ferdinando Borrelli stilista della donna normale

Ferdinand Atelier nasce dall’estro, dalla fantasia e dalla creatività dello stilista Ferdinando Borrelli, fashion designer napoletano che, nonostante la giovane età, ha maturato una significativa esperienza nel mondo della moda e dall’alta sartoria. Lavorazione artigianale, stoffe pregiate, attenzione ai dettagli e alle esigenze della donna, stile particolarmente chic ed elegante sono i plus dell’Atelier Ferdinand. I modelli realizzati con pizzo francese, seta pura, chantylli, chiffon, tulle ricamati a mano e drappeggi si plasmano al corpo della donna, rendendola la musa ispiratrice dell’abito, non viceversa.
Questa lavorazione sottolinea un punto di vista importante dello stilista, che va aldilà degli stereotipi estetici, e cioè quello dell’esaltazione della bellezza femminile, del fascino della donna. L’abito perfetto – dal prêt-à-porter alla sposa, all’abito da sera – deve “adattarsi” alla donna: non più donne costrette, schiave del sistema moda ma una tendenza che si adatti all’unicità della persona. Non tutti gli stilisti dunque sono sostenitori della famosa “taglia zero” che spesso ha creato polemiche per l’istigazione ad una magrezza ossessiva. E’ giusto spezzare il legame che associa la moda ai modelli distorti del comportamento alimentare, ritornando alla scoperta dell’abito che fa sognare il pubblico femminile, di qualsiasi taglia. Lo stilista veste una donna sognatrice ma anche determinata, femminile, dalla sensualità mai esasperata, romantica, una donna dalla forte personalità.
Ferdinand incontra personalmente le sue clienti nel suo atelier di Via della Concordia a San Sebastiano al Vesuvio, dove consiglia il taglio giusto e il modello adatto dell’abito prescelto, completando infine con consigli su accessori, make up e acconciatura, di cui è grande esperto. In questo modo, qualsiasi donna può sentirsi davvero bella ed elegante, con il suo corpo, a suo agio con le sue curve e le sue proporzioni.

Il defilè

Lo stilista ha presentato sabato 1 novembre nell’incantevole cornice di Villa d’Isernia (Ercolano) un defilè emozionante. Protagonisti look che hanno come fil rouge il glamour sia per la sera che per la sposa. Dal cappotto must have declinato in varie lunghezze e materiali alle lunghe e caste gonne che in un batter d’occhio si levano lasciando le gambe coperte da castigati e scintillanti mini shorts.
Ferdinand mette a disposizione il suo know how sartoriale e la sua passione ai “momenti speciali” delle donne, accompagnandole lungo un percorso sensoriale, di cui quell’abito dovrà farsi interprete e custode.
Tra gli invitati tanti giornalisti, blogger e personaggi famosi: Luna Palumbo (concorrente di “The Voce of Italy 2014”), l’attore Ivan Boragine (protagonista di Gomorra), l’attore Emanuele Vicorito (prossimamente nel cast di “Un Posto al Sole”), lo stilista Nino Lettieri, solo per citarne alcuni. Da evidenziare l’apporto organizzativo di Giorgio Attanasio.
Moda, eleganza e solidarietà: Ferdinando Borrelli è molto legato all’AssociazioneCuore e Amore”, con la quale organizza eventi mediatici finalizzati alla conoscenza della Thalassemia.
Una sfilata social, ecco gli hashtag ufficiali: #ferdinand #ferdinand2015 #ferdinandfashionshow.
Partner della sfilata: Tarantino studio, Be Cover, Enzo Nocerino hair stylist e make up artist Nunzia Capuozzo e Tania Trucco.
Media partner: Pink Life Magazine.

Ferdinando Borrelli ha portato in passerella gli abiti di quattro collezioni.

La Nuit a Paris

Rosso e/o nero: due i colori protagonisti della prima parte della sfilata. Vezzosa e viziosa. Mescola le carte e vince. Sembra una e invece è centomila. Sembra inventata e pure è reale. E’ la donna che Ferdinand immagina passeggiare per le strade di Parigi. Il fascino della borghesia un po’ perversa. Dove la perversione non è né peccaminosa né antiestetica. E’ soltanto quel divertimento compiaciuto che comporta la consapevolezza del poter trasgredire. Con i modi e nei tempi giusti. Questa è la trasgressione che infastidisce di più perché – come questa collezione – è una trasgressione elegante.

The Flower Collection

C’è un modo nella moda per narrare delle storie senza fare riassunti troppo particolareggiati, di parlare delle cose senza essere didascalici (ovvi e noiosi). Ci sono cose da raccontare nella moda che se prese così come sono risultano scontate, anche se oggettivamente belle. Si prenda lo stile orientale, per esempio. I motivi floreali orientali se visti nel paese dove nascono sono bellissimi, se indossati altrove diventano o inadeguati o banali. Ferdinand conosce questi modi e traspone sui suoi abiti quella misticità dei colori, delle sfumature, delle atmosfere orientali senza mai trascurare il carattere forte, deciso, autorevole della donna italiana.

Nude Armature

Bellissime ragazze dall’aria ribelle incedono con le loro gonne ampie e rigide. Ammaliano mentre camminano con passo autorevole issate su scarpe dal tacco altissimo con i loro abiti versatili e con il seno a vista. Sono decise, sono sensualmente irresistibili, sono le rappresentanti di quelle donne glamorous il cui glamour sembra aggressivo solo perché sa ben trasformare il romanticismo in passione.
L’armatura è lo scheletro di un capo spalla, fatto da un tessuto capace di catturare la luce e di restituirla arricchita di una nuova sfumatura. Il concetto di forza, di rigore incontra però quello di delicatezza. Tessuti leggeri, palpabili come il satine incontrano tessuti rigidi come il crine. Al concetto di armatura viene associato quello di “nudo”, un nudo cromatico oppure creato da una reale trasparenza.

Dulcis in fundo, la Sposa Fedinand

Basta con questa cappa bon ton che intrappola la sposa: gli abiti nuziali di Ferdinand vestono donne che vanno all’altare consapevoli della loro bellezza e, per questo, fiere del grande passo, ma sempre libere Abiti che fanno sognare le donne, che nei giorni più belli della propria vita scelgono di essere seguite da un couturier che realizza su misura l’abito perfetto.

 

Rispondi