Main Menu
Ricette Napoletane

La frittata di maccheroni: curiosità e ricetta di un altro must della friggitoria napoletana

ph: fonte da internet

La frittata di maccheroni altro must della friggitoria napoletana. Anch’essa fa parte della categoria dei cibi da strada. In dialetto napoletano viene chiamata ” a frittat’ e maccarun”, ossia frittata di maccheroni (pasta corta).
In origine questa pietanza nacque dall’idea di riciclare gli avanzi di pasta e di ciò che si aveva in frigo. Si aggiungevano due uova un po’ di formaggio e si friggeva velocemente, diventando cosi anche un ricco pranzo da portare al lavoro. Quindi la vera frittata di pasta è fatta con gli avanzi del giorno prima, dove la pasta ha riposato tutta la notte.
La frittata di pasta ha varie versioni, sia negli ingredienti che nei colori. A Napoli, simpaticamente e telegraficamente, la si definisce o rossa o bianca. Ad ogni modo per chi si trova nel capoluogo campano non può non assaggiarla, è irresistibile.

INGREDIENTI (per 20 pezzi circa)

  • 500 g bucatini
  • 100 g prosciutto cotto tagliato a dadini piccoli
  • 100 g piselli (insaporirli con cipolla e vino bianco)
  • 300 g scamorza
  • 1 l di besciamella densa
  • pepe e formaggio grattugiato per l’impanatura
  • pastella (400 g farina, 600 ml acqua e sale)
  • pangrattato

Lessare bene al dente i bucatini, scolarli e tagliarli grossolanamente, unire la besciamella mescolando bene.
Condire con il parmigiano grattugiato, il fiordilatte, il prosciutto, i piselli ben scolati e del pepe macinato.
Stendere il tutto su di un foglio di carta oleato e tagliare con un tagliapasta dei dischi alti circa 6 centimetri e del diametro di 8-10 centimetri.
Preparare con acqua e farina una pastella densa nella quale passare uniformemente i dischi di pasta per poi impanarli e friggerli in abbondante olio.

ph: fonte da internet

ph: fonte da internet

Rispondi