Main Menu
Ricette Napoletane

Le cartucce napoletane

ph: fonte da internet

Le cartucce napoletane sono dei dolcetti a base di mandorle tipici della nostra bella Napoli. Sembrano davvero delle cartucce da caccia, particolari anche nella preparazione perché richiedono gli appositi cannelli e le apposite cartine specifiche.
Le “cartucce” sono di quei dolci che ti riportano indietro nel tempo, sempre presenti nei vassoi delle pastarelle secche, paste dolci ed asciutte e si usano per portare in dono od offrire, vicino ad una buona tazza di te o al caffè. Il termine dialettale con cui sono chiamati è “Babanielli”, sinonimo di piccolo babà, infatti nella forma vi rassomigliano.

INGREDIENTI

  • 200 g di farina di mandorle
  • 100 g di farina “00″
  • 50 g di fecola
  • 200 g di zucchero semolato 
  • 160 g di burro morbido
  • 20 g di burro fuso
  • 4 uova
  • un pizzico di bicarbonato
  • un pizzico di sale
  • 3 gocce di essenza di mandorla amara o qualche mandorla amara da tritare
  • scorza di limone grattugiata

Mescolare la farina di mandorle con due uova sbattute e gli aromi, far riposare a temperatura ambiente per un’ora. Lavorare il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso e spumoso. Unire il composto di mandorle e le altre due uova,un cucchiaio per volta, alternando composto e uova. Mescolare e unire i 20 gr di burro fuso, la farina e la fecola setacciate, poco alla volta.
Trasferire il composto in una sacca ‘a poche con bocchetta liscia del diametro di 1 centimetro, riempire i cannelli foderati con le cartucce fino al bordo del cannello e posizionare gli stampini dritti. Infornare a 170° per 10′ poi abbassare la temperatura a 160° per altri 8′/10′. Rimuovere le cartucce dal cannello e passare su carta assorbente.

ph: fonte da internet

ph: fonte da internet

Rispondi