Main Menu
Arte/Musei

Museo Archeologico di Napoli

museo_archeologico_napoli_big

Fra i più importanti Musei di Napoli troviamo il“Museo Archeologico Nazionale” il quale vanta un ricco patrimonio archeologico fra manufatti ed opere d’arte più importante d’Italia nonché è considerato uno dei più importanti musei archeologici al mondo, se non il più importante per quanto riguarda la storia dell’epoca Romana.
L’edificio del Museo risale al 1585 e fu costruito come “Caserma di Cavalleria” quindi il palazzo in se rappresenta per la città di Napoli un sito di rilevanza storica ed architettonica essendo uno dei“Palazzi Monumentali di Napoli”, costruito sull’area della necropoli greca di Santa Teresa dell’antica “Neapolis”. Il Museo è composto da tre sezioni: La collezione Farnese; Le collezioni Pompeiane; La collezione Egizia.

Collezione Farnese.

La collezione è composta da tutti i reperti archeologici raccolti da “Alessandro Farnese”, futuro “Papa Paolo III”, a partire dal XVI secolo. Ottenute sia per acquisti che per confische, la collezione si arricchì notevolmente con i rinvenimenti degli scavi Romani. L’intera collezione fu ereditata da “Elisabetta Farnese” madre di “Carlo di Borbone” anche se il trasferimento delle opere a Napoli avvenne per opera diFerdinando IV nel 1787 circa.

Ritroviamo diverse sculture importanti derivate da altrettanti luoghi simboli come le sculture di Palazzo Farnese, di Campo dei Fiori, di villa Madama, delle Terme di Caracalla e dalla villa Farnesina, ma troviamo anche sculture di Imperatori Romani e Greci.

Collezioni Pompeiane.

La collezione Pompeiana invece nasce dalla raccolta dei rinvenimenti archeologici provenienti dagli “Scavi di Pompei” avviati e voluti dall’allora Re di Napoli “Carlo di Borbone” e troviamo sculture, mosaici, armi, affreschi e tanti altri pezzi pregiati come i “Papiri di Ercolano” rinvenuti nell’omonimo sito Archeologico.

Collezione Egizia.

Infine la Collezione Egizia, la quale risulta essere la seconda per importanza in Italia dopo quella di Torino e la prima in senso cronologico.

Essa è costituita da materiali provenienti da collezioni private e dai ritrovamenti negli scavi Borbonici e nell’area Flegrea. Di particolare importanza sono le opere della “Collezione Borgia” formata già nella seconda metà del settecento dal Cardinale “Stefano Borgia” con oggetti antichi rinvenuti nei dintorni di Roma e di Velletri.
Ritroviamo inoltre antichi reperti che vanno dall’inizio del regno Egizio fino all’età Tolemaica-Romana racchiudendo circa tremila anni di storia. Infine troviamo una collezione Epigrafica ed una Numismatica.

Per maggiori informazioni visitate il sito ufficiale del Museo. 


Foto di copretina : fonte internet.

Rispondi