Main Menu
Eventi

‘O Curt – Festival del cortometraggio XIV edizione 2014

Il festival dedicato al cortometraggio si terrà dal 19 al 22 novembre all’Institut français di Napoli e al Pan. Oltre 50 i film in concorso, provenienti da tutti i continenti. Lezioni sul cinema con il presidente di giuria Daniele Ciprì, lo sceneggiatore Maurizio Braucci, il produttore premio Oscar Nicola Giuliano e il regista georgiano Mikheil Kobakhidze. Evento speciale, la prima dell’ultimo film di Michel Gondry.

Quattro giorni dedicati al meglio della produzione internazionale di cortometraggi, dal 19 al 22 novembre all’Institut français e al Palazzo delle Arti di Napoli (Pan) torna il festival ’O Curt. Il programma della XIV edizione sarà presentato alla stampa giovedì 13 novembre nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo alla presenza del sindaco Luigi de Magistris e dell’assessore ai Giovani del Comune di Napoli Alessandra Clemente. L’ormai storica rassegna napoletana, dedicata al cinema breve, propone un cartellone ricchissimo di appuntamenti: tavole rotonde, seminari, esposizioni artistiche, incontri con attori, registi, produttori, retrospettive, a fare da cornice alle proiezioni degli oltre cinquanta film in concorso. Spazio anche al lungometraggio per un evento speciale, la prima napoletana dell’ultimo film di Michel Gondry, Is the man who is tall happy?, conversazione animata tra il padre della linguistica Noam Chomsky e lo stesso Gondry.
La rassegna, organizzata dall’associazione Tycho con il sostegno della Mediateca Santa Sofia, e promossa dall’Assessorato ai Giovani del Comune di Napoli con il progetto “Napoli Città Giovane: i giovani costruiscono il futuro della Città”, realizzato nell’ambito dei Piani Locali Giovani – Città Metropolitane, promossi e sostenuti dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani, si ripropone, dopo due anni di assenza, come evento di rilievo nel calendario dei Festival cinematografici nazionali. Presidente della giuria di qualità Daniele Ciprì, che nel corso della rassegna incontrerà il pubblico per una lezione sul cinema, come gli altri giurati: lo scrittore Maurizio Braucci, che ha firmato la sceneggiatura di film di successo, come Gomorra, Reality,Anime Nere; Ciro Scognamiglio, aiuto regista di Nanni Moretti per Il Caimano e Habebus Papam; il critico cinematografico Giuseppe Borrone; l’attrice Ana Caterina Morariu; il fumettista e musicista Dario Sansone; lo youtuber e attore Claudio Di Biagio.
Ospiti d’eccezione saranno il produttore Nicola Giuliano, premio Oscar per La grande bellezza di Paolo Sorrentino, che terrà una lezione e regalerà al pubblico di ’O Curt la proiezione di una selezione di cortometraggi realizzati dalla sua casa di produzione l’Indigo Film e il regista georgiano Mickeil Kobakhidze, autore di soli sei film brevi, cinque dei quali realizzati tra il 1961 e il 1969, ma ritenuto dalla critica un maestro assoluto del cortometraggio. Un autore che la censura sovietica non è riuscito a ridurre all’oblio. A lui sarà dedicata una retrospettiva e una mostra all’Institut français con l’esposizione di manifesti cinematografici, ispirati alle sue opere e realizzati da giovani illustratrici della Scuola del fumetto Comix. A contribuire ancor di più al respiro internazionale del festival le rassegne sulle cinematografie dei rispettivi Paesi promosse dall’Istituto francese, Goethe, Cervantes e Confucio e una tavola rotonda promossa con propri esperti dagli Istituti di Cultura, coordinata dalla Scuola di Cinema Pigrecoemme. Infine, durante le giornate della rassegna il foyer dell’Institut français ospiterà alcune delle più belle foto scattate sulla scena dei film italiani realizzati negli ultimi tre anni, grazie alla collaborazione del Centro Cinema Città di Cesena che indice da diciassette anni il prestigioso concorso CliCiak.
Alla presentazione parteciperanno la presidente dell’Associazione Tycho Claudia Pascotto e il direttore della Mediateca Santa Sofia Francesco Napolitano.

Per maggiori informazioni visitate il sito O’Curt

Rispondi